News

News

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

AFFITTO DI POLTRONA PER ACCONCIATORI E DI CABINA PER ESTETISTI

L’esercente dell’attività di impresa, tanto di acconciatore quanto di estetista, possono consentire l’utilizzo dei propri spazi, mediante tutte le forme contrattuali consentite dalla legge, sia ad acconciatori che ad estetisti, con la sola condizione che questi siano in possesso dei prescritti titoli abilitativi.
Sia secondo la legge n.174 del 2005, per quanto riguarda l’attività di acconciatore, che secondo la legge n.1 del 1990, per quanto riguarda l’attività di estetista, l’ipotesi di “affitto di poltrona” o di “affitto di cabina” è possibile tra imprese, mediante uno specifico contratto in base al quale un titolare di salone di acconciatore o di centro estetico concede in uso una parte dell’immobile e delle attrezzature, verso pagamento di un determinato corrispettivo.
Le possibilità di “affitto di poltrona” e di “affitto di cabina”, consentite in base alla legislazione statale attualmente vigente e conformi alle disposizioni ulteriori emanate in tema di liberalizzazione delle attività economiche, naturalmente “non prescindono dal rispetto delle ulteriori disposizioni previste dalla legislazione nazionale e dalla legislazione regionale in materia contrattuale, gius-lavoristica, contabile, fiscale e igienico-sanitaria”.

Novità sulla tassa per concessioni governative applicata per le attività soggette a verifica da parte della Camera di Commercio

Con nota del 13 ottobre 2015, l’ Agenzia delle Entrate – Direzione Generale della Lombardia, in risposta ad un interpello formulato dalle Camere di Commercio della Lombardia – ha chiarito ulteriormente che non è dovuta la tassa di concessione governativa di €168,00 per la presentazione al Registro delle Imprese e/o al REA, della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per le attività regolamentate, soggette a verifica da parte della Camera di Commercio.
Pertanto, la Camera di Commercio di Latina non richiede più il pagamento della tassa di concessione governativa, a far data da venerdì 23 ottobre 2015, per le attività di: installazione di impianti di cui al DM n.37/2008; autoriparazione di cui alla Legge n.122/92; pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione, sanificazione di cui alla Legge n.82/94; facchinaggio di cui alla Legge n.57/2001.

Contatti
Roberta Borgia tel. 0773 672284 – roberta.borgia@lt.camcom.it